Resta in contatto

News

Fonseca: “Un onore aver allenato la Roma. Ora però non ne parlo, la lascio in pace”

Fonseca Newcastle

L’ex tecnico della Roma Paulo Fonseca ha rilasciato un’intervista a Rai Sport: le sue parole sui giallorossi

Paulo Fonseca, ex tecnico della Roma sulla panchina giallorossa dal 2019 al 2021, ha rilasciato un’intervista a Rai Sport. Ecco tutti i temi toccati dal tecnico portoghese:

Sui settori giovanili.
“Normalmente quando non si vince e si sta fuori del Mondiale si parla di tutto, ma per me un problema che ha l’Italia è che il campionato Primavera non è competitivo per preparare i giovani a entrare in prima squadra. Per esempio qui in Portogallo abbiamo le squadre B che giocano in seconda divisione e questo porta un livello competitivo diverso per i giovani”.

Sulla guerra in Ucraina.
“Ora sto bene qui in Portogallo con la mia famiglia. Ero un Ucraina quando è iniziata questa tragedia, questa guerra. Sono stati giorni difficili, ma se faccio un paragone con quello che sta succedendo adesso lì non è stato nulla perché ora la situazione è molto difficile. Non ho parole per descrivere quello che sta succedendo, lo vede tutto il mondo, stiamo lasciando questo popolo morire in una situazione in cui possiamo anche fare di più per aiutare. Mia moglie è ucraina, ho un figlio di due anni che è ucraino, io ho un legame fortissimo con quel Paese, è troppo troppo difficile vedere tutti i giorni quello che sta succedendo lì. Non è giusto, è un popolo che vuole solo la pace”.

Sulla Roma.
“Per me è stato un piacere enorme essere allenatore della Roma. Ora non è facile per me parlare della Roma, penso di non doverlo fare, la Roma deve essere lasciata in pace. Posso dire che il passato di Mourinho è vittorioso e penso che finiranno bene il campionato”.

Su Zaniolo.
“Probabilmente è uno dei calciatori più talentuosi d’Italia. Non ho avuto la fortuna di averlo per molto nei miei due anni perché è stato a lungo infortunato ma è un grande talento”.

Sulla città.
“Mi manca Roma, mi manca l’Italia che mi piace tanto. Mi manca anche il campionato italiano, io sono stato molto felice a Roma. Mi piace molto il calcio, le persone, il Paese. Penso che un giorno, non so quando, mi piacerebbe tornare”.

Che squadra le piacerebbe allenare?
“Non lo so. Posso allenare tutte le squadre in Italia. Ovviamente con la Lazio non sarebbe facile, ma penso di poterne allenare qualcuno”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News