Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sergio Oliveira, l’uomo di Coppe vuole il decimo gol

Quella di stasera sarà la sua trentottesima partita europea. Sergio Oliveira è pronto a viverla da protagonista

Quella di stasera sarà la sua trentottesima partita europea. Sergio Oliveira è pronto a viverla da protagonista, per continuare a sognare il trofeo e confermarsi come uomo delle Coppe. Un trend positivo per lui, prestazioni di livello tra  Champions, Europa League e, adesso, la Conference League con la Roma. Stasara dovrà affrontare il Bodo, spera in un gol per arrivare al suo decimo in Europa e regalare una gioia alla squadra.

“L’uomo della provvidenza“, così lo avevano soprannominato alcuni tifosi del Porto la scorsa stagione dopo il suo exploit in Champions League con cinque reti pesantissime. Sergio Oliveira è abituato a reggere la pressione in partite chiave e ad esaltarsi in match da dentro o fuori e così vuole fare questa sera, nella sua quindicesima partita con la maglia della Roma.

A ventinove anni sa che questa è la sua grande chance per affermarsi: vuole fare bene in questo finale di stagione per meritarsi il riscatto che adesso è quasi una formalità. La Roma vorrebbe uno sconto sui 13 milioni fisati a gennaio col Porto, ma non ci saranno problemi per la sua permanenza nella Capitale. Adesso la concentrazione è tutta sul Bodo, poi sulle restanti partite. L’obiettivo è chiudere bene la stagione e aprire la prossima ancora meglio, con la voglia di convincere anche il Portogallo a puntare su di lui per i mondiali.

Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa