Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La mossa tattica di Mourinho: come lo Special One ha spento sul nascere il gioco del Bodø

Il tecnico portoghese ha cambiato l’organizzazione del pressing rispetto alla gara d’andata

La Roma ieri sera ha travolto il Bodø. Lo ha fatto dal primo minuto, sovrastando l’avversario su tutti i livelli: il divario tecnico è emerso in maniera eclatante, il ritmo e l’intensità messi in campo dai giallorossi hanno sin da subito indirizzato il match.

Oltre a questo, Mourinho ha dimostrato di aver preparato al meglio la gara anche dal punto di vista tattico. Rispetto all’andata, lo Special One ha cambiato del tutto le uscite difensive, spegnendo sul nascere le fonti di gioco dei norvegesi, che a fatica riuscivano a superare la metà campo.

All’andata, in fase di non possesso, sui due terzini avversari Sampsted e Wembangomo, andavano in pressione i due quinti della Roma, Karsdorp e Zalewski. Tuttavia, questi ultimi, avevano faticato molto, sbagliando spesso i tempi di pressione e lasciando molto spazio alle proprie spalle.

Nella gara dell’Olimpico, invece, sono stati i due mediani, Mkhitaryan e Cristante, ad uscire molto alti in pressing sui due terzini avversari, mentre Karsdorp e Zalewski rimanevano sulla linea difensiva in attesa di attaccare lo spazio una volta riconquistata palla. In questo modo i due esterni giallorossi non hanno mai sofferto la velocità dei due attaccanti esterni del Bodø, soprattutto Solbakken, senza dubbio il più talentuoso dei suoi. Questo diverso atteggiamento ha messo in crisi la squadra di Knutsen, che ha avuto notevoli difficoltà a far partire l’azione.

Non solo carattere, qualità, intensità. La Roma ha avuto la meglio anche grazie ad un’attenta preparazione della partita da parte dell’allenatore e a un’ efficace interpretazione tattica da parte dei giocatori.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News