Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

El Shaarawy l’uomo dei sogni (e dei gol)

Il Faraone decide la sfida del Maradona

Il dodicesimo che ogni allenatore spera di avere in rosa, l’uomo in grado di regalarti sempre un guizzo. Mourinho se l’è studiato a lungo Stephan El Shaarawy, lo ha provato, gli ha dato fiducia. Quando parte dall’inizio sembra non avere lo stesso fuoco dentro, la stessa capacità di incidere sui ritmi della gara, la stessa brillantezza e freschezza nel puntare l’uomo o nell’essere pericoloso sotto porta. Quando viene buttato nella mischia, ecco che diventa l’uomo in più, in grado di spezzare gli equilibri. Cambio passo, dribbling, giocate, assist e tiri in porta. Poi accade, come al Maradona, che il tacco di Abraham lo liberi al tiro e che con il suo marchio di fabbrica, il destro a giro, battezzi Meret sul primo palo.

La Roma conquista il 14esimo punto nei minuti finali: “E’ la dimostrazione che non molliamo fino all’ultimo. Se giochiamo con questo spirito e con questa voglia di vincere possiamo andare lontano e lottare per traguardi ancora più importanti. La strada è quella giusta, quello del secondo tempo. Abbiamo fatto una partita tosta, sicuramente meritavamo qualcosa di più“. E il Faraone guarda avanti anche in classifica: “Quarto posto? Sicuramente ci pensiamo, finché la matematica non ci condanna abbiamo il diritto e il dovere di provarci fino all’ultimo ed è quello che faremo“. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa