Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dal Bernardini ai Parioli, la nuova vita dello Special

Le abitudini romane del portoghese

Se l’amore per l’Inter sarà eterno, quello tra José Mourinho e Roma (e la Roma) è appena sbocciato. Lo Special ci ha messo poco a integrarsi, ha scelto di andare a vivere ai Parioli e non nella zona dell’Eur, certamente più comoda per raggiungere il centro sportivo di Trigoria. Abitare in un quartiere centrale significa vivere la città e suoi abitanti, uscire di casa e trovarsi a fare una passeggiata a Villa Borghese. Approfitta della mascherina per muoversi senza essere riconosciuto, lo fa principalmente la sera sia per mimetizzarsi meglio nel buio, sia perché a Trigoria ci resta anche 12 ore.

Non è un allenatore che non vede l’ora di scappare dal centro sportivo per raggiungere la famiglia. Anche perché moglie e figlia trascorrono molto tempo a Londra. Trigoria, infatti, è diventata la sua seconda casa, ci resta a dormire anche tre o quattro volte a settimana, chi ci lavora lo vede spesso girare in ciabatte a testimonianza che è diventata un luogo amico in cui poter essere sé stessi. All’interno dispone di due uffici, uno al primo piano e uno a livello dei campi. Ama prendere il sole, ha fatto installare un maxischermo sul campo per rivedere le azioni e usa spesso il drone durante l’allenamento. Mourinho è così, rigoroso e ostinato quando c’è da difendere il suo lavoro, indulgente e tollerante quando nella vita privata. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa