Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham, ecco la tua notte. Fiducia al top e caccia al 25° gol: “In Italia ho ripreso a brillare”

Le parole del bomber inglese

Per Tammy Abraham sarà la prima volta in Inghilterra da avversario e ha voglia di rendere speciale questa notte, senza pensare al domani o agli occhi dei club inglesi su di lui: il numero 9 ha nella testa solo la gara contro le Foxes. L’attaccante cercherà il 25esimo gol stagionale, il suo primo in carriera al Leicester: “Tutti conosciamo il valore della squadra di Rodgers. So cosa ci aspetta, può essere il giorno perfetto per segnare il primo gol e aiutare la squadra a vincere la partita”. Su Mourinho: “Lui per me è l’allenatore perfetto. Sa come guidarti e io ho bisogno di uno che sappia motivarmi. Lampard mi dava fiducia, ora sono tornato ad averla con José. Quello che sto facendo qui a Roma mi dà un’emozione incredibile. Venivo da una stagione difficile e tornare a splendere è fantastico. A Roma sono stati chiari e mi hanno aiutato, spero di chiudere la stagione vincendo”. Quando gli chiedono del futuro, Abraham sorride: “Sono nato e cresciuto in Inghilterra, è normale che qui ci sia interesse per me. Ma io ora penso solo a giocare il mio calcio e a vincere con il Leicester. Sul futuro vedremo”.

In campo dovrebbe scendere al fianco di Zaniolo: “Con Nicolò ci capiamo, con lui in campo mi sento più libero. Giocarci insieme mi fa sentire più me stesso, mi leva pressione e mi aiuta a giocare meglio la partita”. Un commento sul Leicester: “Conosco abbastanza bene alcuni dei loro giocatori, hanno dei buoni attaccanti, sono amico di Maddison. Ma spero che alla fine quello che possa sorridere sia proprio io”. Su Vardy e sulla possibilità che i due si giochino anche un posto in Qatar: “Tutti sanno che giocatore è James, non la vedrei così. Io per ora sono contento di essere tornato in nazionale e di aver segnato alcuni gol”. Sulla stagione fino a questo momento: “Sono sempre stato un giocatore per cui è importante la fiducia. Ho sempre voluto giocare e segnare. Si tratta di stare al posto giusto nel momento giusto, mi alleno tutti i giorni per questo. Per ora penso solo ad una cosa, sono concentrato su questa partita, vogliamo vincerla”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa