Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La curva Sud trasloca in Inghilterra

Grande entusiasmo tra i tifosi giallorossi

Da ieri Leicester si sta colorando di giallorosso. I primi romanisti hanno iniziato la trasferta in Inghilterra con un giorno d’anticipo, invadendo gli scali di Ciampino e Fiumicino con sciarpe e tanto entusiasmo. Il vero e proprio esodo, però, è atteso per oggi, quando partiranno tre voli charter dalla Capitale, pronti a portare un pezzo di Curva Sud nel Regno Unito. Saranno circa 1600 i tifosi della Roma nel settore ospiti del King Power Stadium, anche se a Leicester ne sono attesi di più. Ma di tagliandi non c’è più traccia, lo stadio ha registrato il sold out ieri: le biglietterie nel pomeriggio hanno abbassato le saracinesche annunciando il tutto esaurito davanti agli ultimi tifosi inglesi rimasti a mani vuote. È la prima trasferta Oltremanica aperta ai sostenitori giallorossi dopo quella di Liverpool nella semifinale di Champions del 2018. Una serata da dimenticare, anche per gli incidenti avvenuti fuori da Anfield e il dramma vissuto da Sean Cox. Alla luce di questo e non solo, la polizia locale tiene alta la guardia, visti i precedenti delle tifoserie italiane in Inghilterra e le tensioni registrate a margine delle sfide tra Napoli e Leicester. Per l’occasione sono state adottate misure di sicurezza speciali: i romanisti dovranno radunarsi dalle 11 di stamattina al pub “The Queen of Bradgate” dove, dopo aver esibito il voucher di prenotazione, riceveranno il biglietto nominativo per assistere al match e potranno raggiungere solo a piedi il King Power Stadium: apertura dei cancelli prevista alle 18.30 inglesi.

Ieri la Roma ha comunicato che i tifosi potranno ricevere un rimborso di 10 euro a testa sul prezzo del tagliando a causa di un errore commesso dal Leicester nel comunicare l’importo. Intanto ieri Mourinho e Tiago Pinto hanno reso omaggio al presidente del Leicester Vichai Srivaddhanaprab ha tragicamente scomparso nell’incidente in elicottero fuori dallo stadio: depositata una corona di fiori sotto la statua presente all’esterno dello stadio. Le emozioni saranno garantite anche al ritorno, con più di 60mila romanisti presenti e l’Olimpico di nuovo sold out. Idem domenica col Bologna. C’è voglia di sognare, magari grazie a un gol di Abraham che ieri ha concluso la conferenza stampa con una risposta vaga sul suo futuro: «Sto bene alla Roma, Mourinho mi ha ridato fiducia, pensiamo a chiudere bene la stagione e a vincere questa gara. I club inglesi mi vogliono? È normale, sono nato e cresciuto qui, ma ora penso solo a battere il Leicester e poi vedremo cosa accadrà. Loro sono una buona squadra ma se giochiamo come sappiamo non avremo problemi». Al suo fianco stasera dovrebbe ci sarà Zaniolo, che sogna in grande: «Voglio vincere un trofeo – racconta a The Athletic – si gioca per questo. Il Pallone d’Oro? Durissima ma perché non sognare?». Gli chiedono poi di un’esperienza all’estero per il futuro e anche lui non chiude le porte. «La vita è imprevedibile, non si può sapere». Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa