Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Petrachi: “Voglio ripartire. Questa volta mi auguro di non sbagliare la scelta”

Le parole dell’ex ds giallorosso

L’ex direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi ha parlato ai microfoni di Radio Sportiva. Queste le sue dichiarazioni:

“Io devo ripartire, è l’aspetto più importante. Devo rimettermi in gioco e rimettermi a lavorare. Adrenalina e passione per questo lavoro sono tornate. Adesso è il momento di ripartire, anche se non so ancora dove. Una esperienza all’estero? Quest’anno è arrivata più di una richiesta, anche dall’estero, e le sto valutando. Ho la possibilità di fare delle valutazioni anche a bocce ferme, cercando di sbagliare il meno possibile, anche in virtù di ciò che è successo un anno e mezzo fa. Questa volta mi auguro di non sbagliare la scelta. La Serie A? Seguo con attenzione, perché è avvincente. Fa piacere dopo tanti anni vedere così tanto equilibrio. Lo scudetto si giocherà al fotofinish, così come la lotta per la salvezza sarà incerta fino alla fine. Il nostro campionato non sarà il migliore, ma sicuramente in questa stagione è stato il più divertente. Lavorare con Antonio Conte? Sicuramente la nostra amicizia è profonda. Abbiamo una stessa visione di calcio, lo sappiamo e lo riconosciamo. Parliamo la stessa lingua calcistica, ma c’è da dire che Antonio non regala niente a nessuno. Al di là dell’amicizia, se tu sei valido puoi lavorare con lui, altrimenti non ti pensa nemmeno. Lavorare a stretto contatto con una persona che stimi e reputi amico, è il desiderio di chiunque, ma questo aspetto lascia il tempo che trova, perché siamo entrambi esigenti e ca**uti, quindi potremmo anche cozzare a livello caratteriale. Ciò che conta è che tra noi c’è una profonda amicizia, su tutto il resto vedremo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News