Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Rodgers: “Roma forte in contropiede e sui calci piazzati. Maddison sta bene”

Le parole del tecnico del Leicester: “L’Olimpico non sarà necessariamente un fattore”

Brendan Rodgers ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Leicester. Di seguito le dichiarazioni dell’allenatore delle Foxes.

Sulla mentalità.
“Dobbiamo mostrare lo stesso carattere che abbiamo avuto fino a qui. Sappiamo come fare, le partite contro Rennes e PSV erano gare difficili contro buone squadre. È una mentalità simile”.

Lo Stadio Olimpico sarà un fattore?
“Non necessariamente, magari loro vorranno attaccare un po’ di più, ma il sistema è basato sulla solidità. I due attaccanti potrebbero pressare un po di più. Penso che la partita sarà simile, ma possono essere influenzati per attaccare ancora. La Roma è forte in contropiede e sui calci piazzati”.

Il pubblico può essere un vantaggio?
“Ma anche uno svantaggio. Sai che dovrai avere a che fare con quella pressione, ma allo stesso tempo la puoi usare a tuo vantaggio. Abbiamo giocato in grandi atmosfere, non sarà una cosa così nuova. Non vediamo l’ora”.

Godersela o concentrarsi?
“Devi andare e godertela. Saprevamo che avremo affrontato contesti duri, questo è un altro step in avanti nella maturazione mentale della squadra. È una squadra molto giovane che gioca a questo livello. Abbiamo mostrato di poter portare a termine i nostri compiti. Dobbiamo accettare la sfida, abbiamo vinto partite in queste circostanze, andremo lì senza paura”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario