Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham punta vera e Zalewski negli spazi

Primo punto per battere il Leicester ed arrivare a Tirana: servire palloni decenti a Tammy Abraham

Primo punto per battere il Leicester ed arrivare a Tirana: servire palloni decenti a Tammy Abraham. Se alla sua prima stagione da romanista ha segnato così tanto è accaduto perché la squadra ha saputo cercarlo e trovarlo. All’Olimpico nella gara di ritorno contro il Leicester dovrà servire la più efficace versione di Abraham centravanti. In questo senso, l’assenza di Mkhitaryan non è un punto a favore. Toccherà a Pellegrini e Zaniolo inventare il passaggio buono per il bomber.

Occorrono la stessa accortezza e determinazione della scorsa settimana, quando la Roma ha giocato un calcio intelligente, non esplosivo, ma serio, attento e scrupoloso nei dettagli. Non ci sarà bisogno di dominare la scena, sarà però necessario controllarla, senza cedimenti e senza sbandate. La spinta di uno stadio in amore come l’Olimpico potrebbe indurre i giocatori di forza e carattere come Cristante, Pellegrini e il giovane Zalewski a esagerare. Non ce ne sarà bisogno, dovrà essere chiaro l’obiettivo e andrà raggiunto con estrema freddezza, se serve anche cinismo.

Attenzione alla velocità degli esterni del Leicester. Potrebbe non bastare Smalling, perché Barnes, Iheanacho e Lookman sono tecnici, rapidi e sanno muoversi in spazi brevi. Bisogna attaccare il Leicester sugli esterni, all’andata è stato il calcio sfacciato di Zalewski a mandare sottosopra l’assetto difensivo del Leicester. Il ragazzino dovrà ripetersi a quei livelli per agevolare l’attacco della Roma.

Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa