Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Roma, riecco il Feyenoord. Dai gol di Gervinho ai danni alla Barcaccia

I giallorossi affronteranno gli olandesi in finale di Conference League. Nel 2015 gli unici due precedenti: allora erano i sedicesimi di Europa League

La Roma vince di misura contro il Leicester e strappa il pass per la finale di Conference League. Il 25 maggio, a Tirana, i giallorossi si giocheranno il titolo contro il Feyenoord, che in semifinale ha eliminato il Marsiglia degli ex giallorossi Pau Lopez, Under e Gerson.

Quella contro il Feyenoord non sarà la prima sfida della storia per i giallorossi. Gli ultimi, e unici, due precedenti tra le due squadre risalgono al 2015, quando si incrociarono ai sedicesimi di finale di Europa League.

Ad avere la meglio furono i giallorossi, che pareggiarono 1-1 all’Olimpico, a segno Gervinho, e vinsero 2-1 con il gol vittoria proprio dell’attaccante ivoriano. In occasione della gara di andata difficile dimenticare gli scontri tra tifosi e i danni alla Barcaccia da parte degli ultras olandesi.

Sei supporter del Feyenoord furono condannati con pene fino a quattro anni per gli scontri avvenuti a piazza di Spagna poco prima del match e proprio per aver recato danni alla fontana costruita dal Bernini.

La finale di Conference League sarà l’occasione per la Roma di alzare nuovamente un trofeo dopo 14 anni e di rivendicare nuovamente uno dei monumenti più famosi nella capitale e nel mondo: la Barcaccia.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti