Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma gestisce il gran finale: “Ma così è dura”

Mourinho inizia l’avvicinamento alla finalissima di Tirana

Inutile nasconderlo, la finale di Conference League è già cominciata. Il problema è che prima ci sono due gare sulla carta delicate come quelle contro Venezia e Torino. In ballo c’è parecchio, vista la possibilità di chiudere il campionato al quinto posto e questo potrebbe fare differenza in chiave partecipazione all’Europa. Quindi mentre il Feyenoord partirà in ritiro in Portogallo, Mourinho deve gestire la rosa per condizione, concentrazione e comunicazione.

Il primo scopo è quello di gestire la rosa. Dopo 52 partite stagionali la squadra è stanca e per loro sono stati preparati degli allenamenti ancora più personalizzati per evitare infortuni. “Non abbiamo la rosa per fare cambi enormi – spiega il portoghese -. Con la Fiorentina eravamo stanchi e ho spiegato che abbiamo corso circa 140 km più di altre squadre e questo si paga”. Poi c’è da occuparsi dell’unico infortunato di lusso: Mkhitaryan. È già partito il piano per recuperarlo, in vista della finale, ad oggi, Mou spiega: “Non sono sicuro che possa farcela”.

L’altro aspetta da controllare è la testa, infatti, contro il Venezia la Roma deve vincere a tutti i costi. Così come la squadra, anche i tifosi pensano alla finale, ma l’allenatore dovrà far rimanere il gruppo con una soglia di concentrazione molto alta.

Ieri ha attaccato nuovamente gli arbitri: “Mi sembra che ci sia gente che magari è anche interessata che noi finiamo allottavo posto e con la speranza che vinciamo la finale perché così sarebbe fantastico per il calcio italiano avere 8 squadre in Europa. Questo però non si deve fare. Siamo un po’ stanchi di arbitri e Var. Loro sono puniti, ma dove sono i nostri punti?”

Inoltre ha espresso la sua opinione sul futuro della Roma: “Un giorno farà il salto di qualità. Stiamo crescendo. Se penso ad agosto, abbiamo fatto un buon lavoro.. Occorre tempo ed io ho altri 2 anni di contratto. poi è una questione di quantità e qualità della rosa, ma la proprietà vuole arrivare in alto ed io anche, senno non sarei venuto qui”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa