Resta in contatto

Roma Femminile

Spugna: “Basta un episodio e la partita gira a tuo sfavore. Dobbiamo ripartire da qui”

Le parole del tecnico giallorosso dopo la sconfitta contro la Juventus in finale di Coppa Italia

Si è giocata oggi a Ferrara la finale di Coppa Italia tra Roma e Juventus femminile. Le ragazze di mister Alessandro Spugna, dopo essere passate in vantaggio, hanno subito la rimonta delle bianconere perdendo 2-1. Il tecnico giallorosso ha rilasciato un’intervista su la7:

C’è rammarico?

“Chiaro, abbiamo fatto una buona gara per 80 minuti. Non siamo riuscite a fare il colpo del K.O., poi basta un episodio e la partita ti gira a tuo sfavore. Nonostante ciò, voglio fare i complimenti alle mie ragazze per la stagione”.

Il futuro?

“Dobbiamo ripartire da qua e migliorarci, dobbiamo avvicinarci a loro. Sono fortissime, ma anche noi abbiamo alzato il livello”.

Gli schemi?

“Abbiamo provato a cambiare qualcosa. Abbiamo cercato di buttare la palla in avanti per la testa di Haug, andando vicino al pareggio che ci avrebbe portate ai supplementari. Ci fa capire che stiamo crescendo tanto. Ci passerà”.

Ora la Champions League.

“Sì, vanno fatti i complimenti alle ragazze, società e staff. Sono arrivato e ho trovato un ambiento in grado di fare le cose per bene. Speriamo di arrivarci bene, ma faremo di tutto per riuscirci”.

Che le ha detto Bavagnoli?

“Ci ha fatto i complimenti. Ci aiuta da tutto l’anno, è una grande persona. Dobbiamo fare qualcosa per migliorarci, ma le ragazze hanno fatto uno step importante e si sono avvicinate tanto al livello del calcio italiano. Proveremo a raggiungere anche quello europeo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile