Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma si sposta a Tirana

Inizia l’esodo verso l’Albania

La finale di Conference accoglie i tifosi della Roma già all’aeroporto: per i tifosi in arrivo dall’Italia e dall’Olanda le autorità locali hanno preparato un ingresso formato da una porta da calcio. Attese 50mila persone, più del doppio rispetto a quanto potrà contenerne lo stadio. I primi romanisti sono arrivati già ieri e molti arriveranno nelle prossime ore. La Uefa ieri ha dato indicazioni per l’ingresso allo stadio, la Roma invierà ai tifosi una mail con tutte le istruzioni.

In ogni caso, l’importante è arrivare a Tirana e per farlo i romanisti hanno scelto tutti i modi possibili: la maggior parte arriverà in aereo, da Roma partiranno una quindicina di charter, molti hanno prenotato voli di linea da Firenze, Verona e Milano, altri arriveranno in macchina via Montenegro o Grecia, altri via nave da Durazzo. Per l’alloggio molti tifosi hanno scelto case e non strutture alberghiere.

Per quanto riguarda l’ordine pubblico, i rapporti tra le due tifoserie non sono buoni, a maggior ragione dopo i fatti del 2015, quando i tifosi olandesi decisero di devastare il centro della città. L’allerta alta c’è per domani, ma da ieri le misure di sicurezza sono imponenti. Le autorità consigliano di arrivare allo stadio in anticipo, l’apertura dei cancelli è prevista alle 18:00: i romanisti potranno entrare dall’ingresso numero 1. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa