Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Trauner: “Non abbiamo mai perso, siamo qui per un motivo. La Roma? Ha anche punti deboli”

Gernot Trauner ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Feyenoord

Gernot Trauner, centrocampista del Feyenoord, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della conferenza stampa di presentazione di Roma-Feyenoord, atto conclusivo della Conference League. Ecco le sue parole:

La partita?
“È una gara molto speciale per noi. È un momento importante per le nostre carriere, non mi aspettavo di arrivare in finale. Abbiamo fatto bene tutta la stagione in tutte le gare europee. Non abbiamo mai perso dai gironi in poi. Siamo qui per un motivo. Sarà una gara combattuta, vogliamo vincere”.

Abraham è il calciatore più insidioso, è il più forte contro cui hai giocato?
“Sicuramente ho studiato il suo gioco. Ha segnato una trentina di gol, è forte fisicamente e bravo tecnicamente, è uno dei giocatori chiave. Dobbiamo limitargli lo spazio per fargli mare. Se dovessimo allontanarlo dalla porta saremmo in grado di non prendere gol, lo abbiamo dimostrato col Marsiglia”.

Sensazioni?
“È il momento più bello della mia carriera, è molto speciale per me, è la prima finale europea. Abbiamo dimostrato di essere in grado di battere avversari forti, la Roma è un avversario tosto. Ha preso pochissimi gol, ma ha anche punti deboli. Cercheremo di sfruttarli per segnare, abbiamo tanta qualità e siamo sempre capaci di segnare gol. Non vediamo l’ora di scendere in campo”.

Hai giocato con Karsdorp. Che rapporti hai con lui? Ti sorprende la sua importanza per la Roma dopo momenti complicati?
“Non sento Rick da un po’ anche se abbiamo stretto amicizia. All’inizio ha avuto problemi per l’infortunio, ma ha qualità e merita di disputare questa finale”.

Quanto è stato importante Marciano, il vostro secondo portiere?
“Dopo l’infortunio di Justin è stato importante, non importa chi scenderà in campo, abbiamo due ottimi portieri”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario