Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cerezo: “Dai, ragazzi: vincete anche per noi delusi del 1984…”

Le parole dell’ex campione giallorosso

Un tifoso speciale della Roma sarà incollato davanti alla tv stasera dall’altra parte dell’oceano, supportando i ragazzi di Mourinho. I tifosi non più giovani si ricordano di lui: Toninho Cerezo. L’ex centrocampista brasiliano, che dal 1983 al 1986 giocò in giallorosso, fu indicato come rinforzo per la Roma al presidente Viola e all’allenatore Liedholm proprio da Falcao, suo compagno in nazionale. In tre stagioni in giallorosso, Cerezo conquistò due Coppe Italia e arrivò pure alla finale di Coppa Campioni vinta dal Liverpool ai rigori.

“Mi ricordo molto bene. I tifosi riconobbero i nostri sforzi nonostante la sconfitta. Dopo la partita intonavano “Grazie Roma”. Il tifoso romanista è molto caloroso. E’ uno che carica la squadra e fa sentire più forti i giocatori. Mi ricordo che i romanisti mi applaudirono pure quando andai a giocare da avversario, con la Sampdoria. Sono sempre nel mio cuore. Non vincemmo la Coppa Campioni nel 1984, ma ora possiamo farcela con la Conference. Mi fa piacere sapere che la Roma potrebbe essere la prima squadra a conquistare questo trofeo. Se la Roma è arrivata in finale di una competizione internazionale avrà sicuramente conquistato sul campo i suoi meriti. Mi auguro che Abraham possa lasciare il segno. E’ un attaccante che ha molta presenza in area e sa come farsi valere. Mourinho è uno dei migliori allenatori in circolazione, non è un caso che abbia vinto tantissimo ad alti livelli. E’ molto bravo, a Roma sta facendo benissimo”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa