Resta in contatto

Rassegna Stampa

La notte dei sogni

La Roma si gioca la Conference a Tirana

E’ la finale di Conference, ma Mourinho rivede l’ultimo derby. Il 4-2-3-1 di Slot come il 4-3-3 di Sarri. Il sistema di gioco è simile, così lo Special One sembra orientato a presentarsi con la stessa formazione che gli permise in 40 minuti di schiantare i biancocelesti.  In sintesi, un centrocampista in più e marcature personalizzate. Ripartenze improvvise, contropiede corto. Mkhitaryan c’è, Mourinho se l’è tenuto stretto per la finale perché è l’interprete camaleontico della sua Roma. Nel 3-4-2-1 dovrebbe giocare da trequartista, ma ha la libertà di scendere a centrocampo, dove in stagione è stato utilizzato addirittura in regia, e magari di recitare da mezzala.

Il centravanti del Feyenoord Dessers, capocannoniere del torneo con 10 reti, andrà a infastidire i centrali difensivi. Pronta la strategia preferita della Roma di Mou. Prudente e spietata. Lancio lungo dei difensori, Mancini e Ibanez più degli altri a saltare centrocampo e spesso anche la linea arretrata avversaria. Oppure aperture sui lati, sempre partendo dai centrali davanti a Rui Patricio, con Zalewski che poi verticalizza per Abraham o Pellegrini o con Karsdorp che invece spinge sulla corsia per chiamare a rimorchio i compagni in area. Cosi i giallorossi hanno vinto proprio il derby di ritorno e, anche senza parecchi titolari, venerdì sera sul campo del Torino.

L’opzione chic di Mourinho è Zaniolo. Da seconda punta più che da trequartista. Come accadde il 14 aprile contro il Bodo Glimt nella sfida di ritorno dei quarti all’Olimpico. Fu la mossa che indirizzò il match e a prescindere dalla tripletta realizzata dal grande protagonista della serata. Mou spiazzò i norvegesi, presuntuosi nel loro 4-3-3. In 29 minuti partita chiusa e senza storia. Sempre ripartendo. Film che potrebbe essere replicato anche stasera all’Arena Kombetare. Dipenderà da Slot e da quanto sarà spregiudicato. Il tecnico del Feyenoord sceglie di solito il 4-2-3-1, alternato in stagione con il 4-3-3. Mourinho sa che schierando Zaniolo rischierebbe di perdere equilibrio, con troppi giocatori offensivi nella formazione titolare. Inoltre, il tecnico è consapevole che Mkhitaryan non ha 90 minuti nelle gambe, per questo motivo pensa ad una staffetta. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa