Resta in contatto

Rassegna Stampa

Da Douglas Luiz a Bissouma: Tiago Pinto va a caccia del centrocampista perfetto

Tiago Pinto a caccia del mediano

Un difensore abile nel giocare il pallone, un esterno in grado di mettere in dubbio la titolarità di Karsdorp e un esterno offensivo, pronto a prendere il posto del partente Carles Pérez. Ma non c’è alcun dubbio: il fulcro del mercato estivo della Roma sarà il centrocampo. È il reparto che José Mourinho attende di rivoluzionare da un anno, da quando chiese a gran voce un regista, poi mai arrivato a Trigoria, nemmeno nel mercato di gennaio.

Ma se parliamo di “regista”, sbagliamo nel fornire il giusto identikit del giocatore cercato da Tiago Pinto: nel mirino un calciatore universale, in grado di costruire il gioco, ma presentando doti fisiche e di cambio passo importanti. In tale senso, sono diversi i profili monitorati dalla squadra mercato. La certezza in mezzo al campo si chiama Bryan Cristante, attorno al quale bisognerà ricostruire un reparto quasi da zero. Bove rimarrà ed entrerà nelle rotazioni, Sergio Oliveira può tornare, a patto che il riscatto dal Porto non comporti una spesa a due cifre, ma i tifosi sognano il nome di in grado di infiammare l’estate giallorossa.

Un profilo che continua a piacere tanto a Tiago Pinto è quello di Douglas Luiz, il 24enne brasiliano dell’Aston Villa, sondato già nella scorsa estate. L’arrivo di Kamara dal Marsiglia (vecchio obiettivo della Roma nelle ultime finestre di calciomercato) può dare il via libera alla sua partenza: la quotazione non è bassa però, molto vicina ai 30 milioni di euro. Rimanendo in Premer League, da monitorare il profilo di Yves Bissouma, talentuoso mediano del Brighton, finito nei guai un anno fa quando fu arrestato con l’accusa di violenza sessuale. Sullo sfondo il nome di Xeka. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa