Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ecco Matic, primo regalo a Mourinho

Mourinho desiderava da tempo un calciatore con le sue caratteristiche: ecco chi è Nemanja Matic

La risposta all’addio di Mkhitaryan non s’è fatta attendere. Fuori l’armeno, che ha preferito l’offerta dell’Inter a quella giallorossa, dentro Matic. A convincere il serbo, prossimo a svincolarsi dallo United, ci ha pensato in prima persona Mourinho.

Era metà maggio quando José, incurante della ridda di voci che avrebbero scatenato le sue dichiarazioni, definì il centrocampista «semplicemente fantastico. Tutti conoscono qual è il mio rapporto con lui, È uno dei ragazzi che ha la mia fiducia». Una stima (reciproca) nata in Premier prima al Chelsea e poi proseguita allo United. A tal punto che Nemanja, alla stregua di Ivanovic, Terry e Drogba, da sempre è conosciuto come uno dei soldati di Mou.

Esperienza, quantità e qualità abbinate nei piedi di questo colosso di 194 centimetri che nel tempo ha forse perso un po’ di dinamicità ma che rimane un calciatore di assoluto livello. Nell’ultima stagione ha giocato 32 partite e nonostante qualche fastidio muscolare è tendenzialmente stato sempre bene. È dotato di un piede sinistro molto preciso, sa verticalizzare con lanci lunghi ed è abile nel gioco aereo. È in possesso del doppio passaporto poiché nel 2014 ha ottenuto quello slovacco.

Alla Roma può regalare personalità, esperienza, copertura e geometrie. Matic dà il meglio di sé come mediano basso davanti alla difesa, così da diventare in fase di ripiegamento un centrale aggiunto nel caso di un centrocampo a tre o anche a quattro qualora si giochi con il trequartista. Sia Mou che Conte lo hanno impiegato anche come centrale a sinistra sia nel 4-2-3-1 che nel 4-4-2.

La Roma lo ha convinto proponendogli sostanzialmente lo stesso contratto rifiutato da Mkhitaryan: un anno a 3,6 milioni di base che giocando regolarmente porterebbero il totale a 4,2 (due i bonus personali da 300 mila euro ogni 15 partite) senza considerare i premi collettivi di squadra, più rinnovo automatico al 50% delle presenze in stagione, abbinato al pass europeo, quale sia la competizione. Le firme ancora non ci sono ma ieri l’agente del serbo ha dato l’ok all’operazione. Dopo Svilar, ecco quindi Matic. Per la felicità di José. Lo scrive Il Messaggero.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa