Resta in contatto

Rassegna Stampa

Solbakken più Celik: Mourinho svolta a destra

Il norvegese ad un passo

La Roma è in pressing con il Lille per regalare a Mourinho un’alternativa valida a Karsdorp che nella stagione appena conclusa è sceso in campo 51 volte su 55. Si tratta di Zeki Celik: 40 presenze sulle 46 gare disputate dal club francese (87%). Se l’olandese è più elemento da 3-5-2, Celik è un calciatore più disciplinato che nella difesa a quattro ma sa regalare anche la spinta necessaria in avanti come confermano i 5 gol e 6 assist nella Ligue 1 nelle ultime due stagioni.

La Roma ha l’accordo con l’entourage del ragazzo (pluriennale da 2 milioni più bonus), deve trovare quello con la società transalpina. La differenza non è incolmabile: a Trigoria offrono 6 milioni per il cartellino dell’ex Istanbulspor che ha il contratto in scadenza nel 2023. La richiesta è 10. Sul calciatore si era mossa anche la Fiorentina ma la proposta giallorossa, più la telefonata di Mourinho al ragazzo, sono state decisive. Nei giorni scorsi era stato ventilato anche uno scambio alla pari con Veretout, ma l’ipotesi per ora non ha trovato conferme.

Dopo Matic, la trattativa più vicina alla conclusione è Solbakken. Nel giro di un paio di giorni (previsto nuovo contatto) la situazione dovrebbe essere più chiara. L’attaccante, che si libera il prossimo 31 dicembre, ha detto sì alla proposta giallorossa. Rimane da convincere il Bodø che vorrebbe tenerlo per impiegarlo nei preliminari di Champions. Per averlo subito, serve un indennizzo. Da escludere un rinnovo in extremis. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa