Resta in contatto

Rassegna Stampa

Matic c’è: “Io vincente come Mourinho”

Si presenta il nuovo centrocampista giallorosso

Il tour per il centro sportivo di Trigoria, il confronto con un preparatore e la prima intervista. Si è consumato il primo giorno di Matic a Trigoria, un acquisto che incarna il calciatore ideale per la mediana di Mourinho.

Una stima reciproca nata ai tempi del Chelsea e consolidata al Manchester United: “Una delle ragioni per le quali sono qui è lui. Non è facile lavorare con José. Sa essere duro, ma è un vincente ed è esattamente quello che cerco in un allenatore. A me piace vincere, Mourinho sa come si fa e trasferisce la sua energia ai giocatori. La decisione non è stata difficile, ci sono anche grandi tifosi e un bel campionato“.

The Wolf (il lupo) veniva soprannominato dai suoi compagni allo United perché in allenamento trovava sempre il modo per portare a casa il risultato, sia in una partitella che negli esercizi di attivazione. Un leader che spalleggerà José in campo e nella gestione dello spogliatoio: «La Serie A è un campionato attraente con molte grandi squadre. Non è facile giocarci, mi piacciono le sfide e voglio confrontarmi con giocatori di altri campionati. I tifosi? Mi hanno inviato molti messaggi sui social, non vedo l’ora di vedere l’Olimpico pieno. Ci ho giocato solo una volta a porte chiuse, non è stato bello».

Una sfida come quella che ha intrapreso Abraham lo scorso anno, ma con obiettivi diversi: Tammy ha intenzione di rilanciarsi per tornare un giorno in Premier da campione, Nemanja per questioni di età (33 anni) non potrà fare il percorso inverso, ma darà alla Roma tutta l’esperienza necessaria per competere su tre fronti. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa