Resta in contatto

Rassegna Stampa

Totti, sì a Zaniolo: “Gli ho detto di restare, ma Nicolò deve decidere insieme al club”

Le parole del simbolo giallorosso

Non perde il vizio. Anche adesso che Francesco Totti si dedica più al padel che al calcio continua a dispensare un assist dopo l’altro. Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Nazionale: l’ex Capitano, a margine dell’inaugurazione del Conti Sport City, il nuovo circolo di Bruno Conti a Nettuno, va a ruota libera.

Con il solito sorriso malizioso di chi non si prende troppo sul serio ma è consapevole che ogni parola che pronuncia pesa e sposta. Come quando gli viene chiesto di Dybala: “Zaniolo-Dybala-Pellegrini e Abraham? Tutti e quattro sono tanti – spiega ai microfoni di Sky Sport 24 – lasciarne fuori uno poi sarebbe dura. Ma tanto non penso ci saranno questi problemi. Perché? So come è andata e ancora lo sento. È finita? Penso di sì. Posso dire che non dipende solo da Paulo. Dipendesse da lui, ci sarebbero buone speranze… Andrà all’Inter con Lukaku? Sarebbe una coppia top che tutti vorrebbero allenare”.

Dopo la stoccata, il cambio di campo è repentino. L’attore diventa di colpo Zaniolo: “Tempo fa parlai con lui e gli diedi qualche consiglio. Non so se lo ha recepito o no. L’ultimo pensiero spetta sempre al ragazzo. Se dovesse rimanere a Roma, deve capire l’importanza di questa maglia e onorare i tifosi. Quello che hanno fatto quest’anno, seguendo la squadra, è qualcosa di diverso. Il rispetto verso di loro va sempre al primo posto. Ripeto, però, la decisione spetta a Nicolò. Cosa gli ho consigliato? Semplice, di fare la mia stessa scelta, che magari può essere anche quella sbagliata. Spetta a lui, se vuole rimanere o no e dalla società. Io, fossi nella dirigenza, saprei cosa fare“.

Un appello che rischia di perdersi. Perché all’ennesima domanda sul possibile ritorno in società, appare ancora una volta non crederci. Almeno in tempi brevi: “Non maturi? Mi sembra un termine forte. Ognuno fa le sue scelte e ha il suo modo di lavorare. Loro stanno operando e lo stanno facendo bene””

Chi sta facendo ancora meglio è il suo pupillo, Pellegrini. Non poteva passare inosservato ad un occhio attento come quello di Francesco il numero di maglia indossato da Lorenzo in Nazionale. Il 10, il suo in azzurro e nella Roma: “Per me potrebbe anche essere il nuovo 10 della Roma, è un grande giocatore, l’ho già detto tante volte, sapete come la penso. Conoscendolo, però, non credo la prenderà. Poi lo chiedete a me ma io non c’entro più nulla. È la società che deve decidere”. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa