Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, è il giorno per capire il futuro

Oggi l’incontro tra Pinto e il suo procuratore

Il futuro di Nicolò Zaniolo si potrebbe conoscere dopo l’esito dell’incontro che oggi la dirigenza giallorossa avrà a Milano con il suo agente. Il general manager Tiago Pinto si ritroverà nel pomeriggio – se non dovessero esserci improvvisi cambiamenti – con Claudio Vigorelli per fare il punto della situazione sul futuro del ragazzo. Si parlerà del rinnovo del contratto e delle possibilità che potrà offrire il mercato tra Serie A ed estero: insomma, prove di dialogo su un doppio binario. Zaniolo alla fine della scorsa stagione ha chiesto un rinnovo di contratto a cifre importanti, da giocatore di spessore, con uno stipendio che si avvicina a quello di Pellegrini e Abraham.

La Roma fin qui ha rinviato qualsiasi discorso alla fine del calciomercato e al tempo stesso ha fissato il prezzo del suo cartellino: 60 milioni di euro. Cifra che ha spaventato qualsiasi club interessato al numero 22. Oggi potrebbero arrivare novità importanti sul futuro del ragazzo. O meglio, Zaniolo si aspetta aggiornamenti da questo incontro, in un senso o nell’altro. Se non arrivassero segnali positivi sul rinnovo le parti potrebbero nuovamente allontanarsi pensando sempre di più a un addio. Sempre che arrivino delle offerte adeguate alla richiesta del club giallorosso. Perché fin qui Milan e Juventus, le più interessate a Zaniolo hanno temporeggiato, “allarmate” dall’importante peso economico dell’operazione tra cartellino e stipendio. Ma consapevoli che il talento di Massa in caso di addio alla Roma gradirebbe entrambe le destinazioni. La Roma e Zanioloin questa lunga estate si trovano davanti a un bivio, e comunque andrà a finire proveranno ad arrivare a una soluzione che possa soddisfare entrambe le parti. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa