Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, la missione: la Juve accelera, vertice in settimana per dare la spallata

Certi amori sono destinati a non sbocciare mai, a restare sogni nel cassetto pronti a volare via al primo soffio di vento

Certi amori sono destinati a non sbocciare mai, a restare sogni nel cassetto pronti a volare via al primo soffio di vento. E già in passato, per non dire in ogni sessione di mercato, Zaniolo e la Juventus sono stati chiacchierati, si sono studiati e poi non se ne è fatto nulla. Questa estate non sarà l’eccezione? Può darsi, ma la situazione è cambiata. 

L’azzurro è al centro di una trattativa di rinnovo di contratto non semplice, con la naturale scadenza fissata per il 2024, ma il rischio, anzi lo spettro dell’uscita di scena a parametro zero o al massimo a dodici mesi dal termine del contratto, quindi a una cifra decisamente inferiore da quella che chiede la Roma adesso. 

Partita da 70 milioni, la richiesta è scesa a 60 e si può anche trattare sui 50 milioni più bonus. La situazione è piuttosto simile a quella delle scorse settimane, quando il ds bianconero Cherubini e il collega giallorosso Tiago Pinto si erano incontrati in un ristorante glamour di Milano. Il secondo tempo del vertice è atteso in questi giorni, probabilmente già nelle prossime 48 ore.

TuttoSport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa