Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, sei la squadra più azzurra: l’arrivo di Frattesi regalerà a Mourinho un altro nazionale

In arrivo un altro Nazionale

Quella di Frattesi è l’ennesima conferma di una peculiarità che la Roma non intende perdere. Ossia, quell’anima non solo italiana ma proprio azzurra che la contraddistingue. Tra le big in serie A  Mourinho è il tecnico che può annoverare più calciatori che ricopriranno per la nazionale un ruolo fondamentale nel nuovo ciclo partito dopo la débâcle contro la Macedonia.

A partire da capitan Pellegrini, passando per Cristante e il rientrante Spinazzola (per i quali si stanno discutendo i rinnovi che scadono nel 2024), senza dimenticare l’omonimo Mancini (in lizza per il post-Chiellini) e Zaniolo. Perché il giallo di queste settimane, anche qualora si concludesse con un addio (l’agente Vigorelli ha incontrato la Juventus ma se i bianconeri non cedono prima de Ligt non hanno risorse per muoversi), vedrebbe comunque la Roma puntare su un altro azzurro, Berardi.

Senza contare che dopo l’estate, Ibanez dovrebbe completare le pratiche per ottenere il passaporto italiano, diventando papabile anche per essere convocato in nazionale. E nella lista non sono menzionati El Shaarawy (che sembra ormai uscito dal giro), Calafiori, prossimo a trasferirsi alla Salernitana e Zalewski che ha scelto la nazionale polacca pur essendo nato a Tivoli. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa