Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La pace che conviene: Dazn torna pure su Sky?

Dazn

Le piattaforme televisive potrebbero riunirsi dopo un anno di minacce e rapporti tesi

Dazn e Sky stanno parlando, ed è una notizia. Dopo un anno di minacce e rapporti tesi, i due colossi della televisione pallonara hanno riaperto le comunicazioni. Meglio collaborare che farsi la guerra perché entrambe sono uscite in qualche modo sconfitte dal primo anno di nuova gestione dei diritti televisivi: Sky lo è stata nell’asta, trasformandosi da tv indispensabile a lusso con tre sole partite di serie A ogni fine settimana, mentre Dazn ha faticato nei primi mesi a gestirela transizione dai supporti tradizionali all’offerta in streaming, vedendosi affibbiare una spiacevole etichetta.

È un dato di fatto anche che Dazn si aspettava più abbonati e Sky meno disdette. Ora l’una non vuole perdere appeal, l’altra invece cerca di avviare il percorso di riavvicinamento alla posizione di leader del mercato: per raggiungere gli obiettivi, entrambe hanno bisogno di fare un passo verso la concorrente in un clima più disteso.

L’idea di collaborazione è puramente funzionale: ognuno terrà le sue partite ma l’app di Dazn potrebbe tornare disponibile sui decoder Sky Q e potrebbe essere nuovamente offerto anche un canale satellitare dedicato, come accadeva prima dell’ultima asta. Ognuno manterrebbe i suoi contenuti e per accedere a Dazn tramite Sky servirà comunque l’abbonamento al primo.

In sostanza, si offrirebbe solo una nuova modalità per vedere l’app. Poco cambierebbe agli utenti ma molto vorrebbe dire l’accordo in ottica futura: tra due estati, infatti, sarà di nuovo tempo di asta per i diritti televisivi. Lo scrive Libero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa