Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, i colpi non sono finiti: Wijnaldum c’è, Belotti quasi. Poi un difensore

Prende forma la seconda Roma di Mou

Finora è stata sospirata, a malapena pronunciata. Ma alla fine di questa settimana non sarà più un azzardo nominare la parola scudetto a Trigoria. Subito dopo il successo di spessore contro il Tottenham sono tre i colpi in canna dei Friedkin che permetteranno a Mourinho di tentare il colpo grosso entro il prossimo biennio.

Il primo è ormai noto e risponde al nome di Wijnaldum. L’olandese tra oggi e domani firmerà con la Roma e si presenterà per le visite mediche. Limati anche gli ultimi dettagli relativi alla ripartizione dell’ingaggio con la rinuncia di Gini a parte dei bonus maturati. La formula? Prestito con diritto che diventa obbligo di riscatto dopo il 50% di presenze e la conquista del quarto posto. Insomma c’è solo da scegliere il numero di maglia: il 5 o il 18. Ma la Roma vuole puntare ancora più in alto. Per questo ha messo in fila un altro colpo.

Quello del Gallo Belotti che ha detto sì a un triennale a 2,8 milioni fino a salire a 3,5 in base ai bonus. L’ex bomber del Toro – che ha messo in secondo piano il Valencia – rinforzerà un reparto offensivo già fortissimo in cui al momento è assicurata pure la permanenza di Zaniolo e che rivedrà il Gallo in coppia con Dybala (quando Abraham lo permetterà) come ai tempi di Palermo.

Il posto glielo lascia Shomurodov che passa al Bologna in prestito con diritto di riscatto. Cosa manca? Un difensore. Ed è quello che arriverà con Bailly in forte vantaggio e la candidatura di Tanganga del Tottenham sullo sfondo. Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa