Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum, adesso è fatta: febbre orange nella Capitale

L’olandese ad un passo dal giallorosso

Wijnaldum sarà a Roma nei prossimi giorni, la trattativa con il Psg è alle battute conclusive. C’è la triplice volontà di chiudere una trattativa che è diventata estenuante, con il giocatore che scalpita per cominciare a lavorare con i nuovi compagni. Ma i rallentamenti finora riguardano la strategia del Paris Saint Germain, che ha cambiato le carte in tavola diverse volte.

Così, per arrivare a un accordo, è stato chiesto all’olandese di fare qualche sacrificio, Wijnaldum ha rinunciato ai bonus che prendeva a Parigi ed è disposto anche a ritoccarsi l’ingaggio, ma per la Roma restano due le condizioni sulle quali non è disposta a trattare: che il prestito non preveda l’obbligo e che poco meno della metà dell’ingaggio sia coperta dal Psg. Tiago Pinto sta lavorando tutto il giorno su questa operazione, che non sarà l’ultima per il mercato in entrata.

Ci lavora da settimane, da quando i presidenti dei due club hanno stretto un’alleanza politica all’interno dell’Uefa e Friedkin ha potuto scegliere tra i giocatori in esubero del Psg. Dopo aver parlato con Mourinho non ha avuto dubbi. Wijnaldum ha detto sì alla Roma da diverse settimane, è la sua priorità e questo aiuta il club giallorosso. A luglio ha rifiutato offerte sia in Francia che in Inghilterra. È solo la questione di ore.

Wijnaldum al momento non ha ancora un volo prenotato per Fiumicino o Ciampino, anche se ieri circolavano voci di un suo arrivo a Roma già oggi, ma lo sbarco nella Capitale è imminente. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa