Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma extralarge: Mourinho punta ad un’alternativa per ruolo

La rosa giallorossa cresce in profondità

“Quando il Milan era in difficoltà ha fatto entrare Tonali e Bakayoko, io ho Darboe e Villar“, Era il 31 ottobre dello scorso anno quando Mourinho, a margine dei match perso con i rossoneri 2-1 all’Olimpico, si lasciò andare a questa amara constatazione.

All’epoca c’è chi la prese come una giustificazione – per mascherare il momento dei ko ravvicinati con Lazio, Juve e Bodo. Nove mesi dopo si è resi conto che era la semplice verità. Lo hanno capito i media, i tifosi più scettici ma lo he compreso soprattutto la proprietà.
La nuova Roma che sta nascendo si sposa con il nuovo calcio, quello delle cinque sostituzioni che l’Ifab ha confermato lo scorso giugno. Parlare ormai di una formazione titolare e di quella delle riserve, rischia di diventare anacronistico.

Bisogna ancora aspettare la definizione delle trattative di Wijnaldum e Belotti ma al di la dei tira e molla che vedono l’olandese non voler rinunciare ad un bonus di un milione e l’ex granata attendere la partenza ai Shomurodov. La Roma che sta nascendo è extralarge.
Nei numeri, nelle soluzioni, nella qualità e nelle possibilità di cambiare modulo in corsa. Forse, soltanto il reparto dei centrali difensivi, se la stella polare tattica resterà la difesa a tre, meriterebbe un innesto (nome in pole è Bailly dello United). Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa