Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Esordio vincente 47 volte, ultimo ko sul campo nel 2011

Dopo l’ultima amichevole, testa al campionato

Dopo l’ultima amichevole, testa al campionato. Domenica alle 20.45 Salernitana–Roma: un incontro che, a campi invertiti, ha già inaugurato una stagione. Era il 12 settembre 1998, la Roma di Zeman all’Olimpico andò sotto nel primo tempo con la neopromossa Salernitana di Delio Rossi: destro volante di Song a un metro dalla riga, unico gol nelle 4 partite in A del recordman di presenze (137) del Camerun che da marzo 2022 è il ct della sua Nazionale.

Con i campani in 10 per l’espulsione di Fusco, il 3-1 in rimonta venne deciso dalla doppietta di testa di Paulo Sergio inframmezzata dal destro da 22 metri di Totti imbeccato, di tacco, dalla meteora Frau. L’incasso di 1,2 miliardi di lire venne sequestrato per una causa da 300 milioni intentata dall’ex giallorosso Carnevale.

Nei 90 campionati disputati in serie A, compreso il 1945-46 a doppio girone, la Roma ha ottenuto all’esordio 47 vittorie, 27 pareggi e 16 sconfitte. La prima partita in assoluto andò male: ko per 3-1 ad Alessandria nel 1929, inutile il gol di Volk, contro la squadra di Ferrari.

L’ultimo esordio: 3-1 alla Fiorentina il 22 agosto 2021 con le reti di due giocatori che non ci sono più, Mkhitaryan e Veretout (doppietta sinistro-destro del francese), con la curiosità di 2 gol giallorossi decisi dal Var, l’1-0 e il 2-1, dopo l’iniziale annullamento per presunto fuorigioco.

La sconfitta più recente sul campo è vecchia di 11 anni: nel 2011 il Cagliari rovinò la prima panchina in serie A di Luis Enrique con un 2-1 aperto all’Olimpico da un destro di Daniele Conti, figlio di Bruno.

Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa