Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Shomurodov, partenza in stand-by. Belotti aspetta ma non all’infinito

Situazione ingarbugliata sul fronte attacco

Il lavoro di Tiago Pinto ora è indirizzato a trovare un posto prima possibile ad Andrea Belotti. Liberando una casella in attacco (e non solo: Coric, Riccardi, Bouah e Bianda sono fermi a Trigoria, per ora rifiutano proposte, impegnando la Roma per circa 4,5 milioni). Eldor Shomudorov al momento è l’attaccante di scorta (Kluivert, come Calafiori, è in partenza, c’è il Fulham ma spuntano richieste da Spagna, Portogallo e anche dall’Italia), sul quale la Roma lo scorso anno ha speso 18 milioni.

Insomma, l’uzbeko è in uscita, ma non in prestito secco. Il Bologna lo vuole, ma per ora si è fermato. Ed ecco che Belotti è fermo, fiducioso che prima o poi la vicenda si sblocchi. Per ora il Gallo non sta prendendo in considerazione altre ipotesi, ma quanto potrà attendere? Ferragosto, per non rischiare di restare senza squadra.

Nel frattempo, l’ex Toro vive di tentazioni: il Nizza preme da un po’ e arrivano rumors dall’Inghilterra, ci sarebbe lo United, che nei giorni scorsi aveva puntato Arnautovic. La Roma ha un piano B? Sì, la permanenza di Shomurodov, più per volere del club che non del tecnico. Si è parlato di un sondaggio dei giallorossi per Sabiri, attaccante della Samp. Situazione in stand-by anche per il difensore: Zagadou, svincolato dal Dortmund, nonostante i vecchi problemi fisici, resta un calciatore nell’orbita della Roma. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa