Resta in contatto

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Salernitana-Roma 0-1: Bryan ci regala la prima Joya

La Roma vince alla prima con la Salernitan

RUI PATRICIO  6

Spettatore non pagante,

Trigoria

MANCINI  6,5

Concentrato, cattivo agonisticamente e affamato: Mancini è tornato.

SMALLING  6

Un cartellino giallo per un intervento in ritardo, non da lui. Ma la solita sicurezza tutta britannica.

IBANEZ  6

La solita elasticità e grinta da mettere in campo.

KARSDORP  6

Soffre l’intraprendenza di Mazzocchi, ma quando spinge lo fa con qualità. Sfiora il gol nel finale.

PELLEGRINI  6,5

Recupera palloni, lotta e inventa, a supporto del tridente pesante. Capitano.

CRISTANTE  7

Nessuno se lo aspettava in campo, come Sepe non si aspettava il tiro che porta 3 punti.

SPINAZZOLA  6,5

Sono tornati i suoi strappi, le sue discese sul fondo. E quando lo fa, non lo prendono mai.

DYBALA 6,5

Non solo giocate (tante), pali (uno) e assist (rete annullata a Wijnaldum), ma anche tanto sacrificio e lavoro sporco.

Zaniolo

ZANIOLO 6,5

Potrebbe fare una doppietta sbadigliando, sotto porta invece è maledettamente impreciso. Ma il motore è già su di giri, in campo non corre, ma vola. Finisce stremato.

ABRAHAM  6

Pochi palloni, movimenti giusti e diverse sportellate. Sostituito dopo 70 minuti.

MATIC 6

Entra nella ripresa e gestisce con tranquillità ogni pallone.

WIJNALDUM  6,5

Pimpante, voglioso, anche sfacciato. Un gol annullato, un altro cercato.

EL SHAARAWY  6

Qualche strappo nel finale.

MOURINHO  6,5

Buona la prima. Ora la Cremonese.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma