Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cristante, il gregario di talento

Il nome a sorpresa decide all’Arechi

Eccolo il protagonista che non ti aspetti, il calciatore che rischiava di finire sovrastato dalle manovre di mercato, lontano dalle fantasie che gli ultimi colpi avevano accesso nei tifosi giallorossi. E così, mentre tutti aspettavano di vedere all’opera Matic, nel cuore del centrocampo della Roma, ecco la mossa che sorprende tutti. I nuovi in panchina, al fianco di Pellegrini c’è Cristante.

Il mediano giallorosso gioca come sa, offre geometria ed equilibrio, tiene a bada alcune sterili ripartenze della Salernitana e dà il suo contributo, anche in fase offensiva. Capita poi che Zaniolo si divori tre palle gol nitidissime e Abraham e Dybala non riescano a pungere. A quel punto decide di salire in cattedra e sbloccare la partita dopo la mezz’ora: il pallone gli finisce sul mancino al limite dell’area di rigore, non ci pensa due volte e con un tiro, non molto forte ma ben indirizzato, riesce a superare Sepe.

È quindi di Bryan Cristante il primo gol da tre punti della stagione giallorossa, uno squillo inatteso con il quale il mediano, ex Atalanta, manda un messaggio importante a tecnico e nuovi arrivati: “Io sono sempre qui”. Apprezzatissimo da Mourinho, tra i senatori del gruppo, uno di quelli che ha legato di più con Paulo Dybala: Cristante è il gregario che lavora in silenzio, sempre lontano dalle luci dei riflettori, che non dà spettacolo sui social. Ma quando viene chiamato in causa, il suo lo fa e anche bene. Mourinho lo sa perfettamente e la scelta fatta con la Salernitana non è stata casuale. Non c’è nessuna fretta o emergenza in mezzo al campo, Matic e Wijnaldum a breve si prenderanno la scena, ma lo Special One si sente assolutamente tutelato dal centrocampista campione d’Europa, con l’Italia di Mancini. Leader, mediano d’ordine e all’occorrenza anche difensore centrale: un mix di duttilità e professionalità. Spazio per Bryan Cristante, anche in questa nuova Roma di Josè Mourinho, ci sarà sempre.  Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa