Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Belotti resta in attesa. Su Kluivert c’è anche l’Ajax

Possibile ritorno a casa per l’ala olandese

Da un mese Andrea Belotti ha trovato l’accordo con la Roma e negli ultimi giorni è stato rassicurato sul buon esito dell’affare. Prima, però, Tiago Pinto deve vendere uno tra Shomurodov e Felix. L’uzbeko, anche per ruolo, sarebbe il preferito. Tra l’altro ha già detto sì al trasferimento al Bologna. Il gm vuole cederlo esclusivamente a titolo definitivo. Per non totalizzare una minusvalenza (considerando la formula del prestito con obbligo che ammortizzerebbe ulteriormente i 17,5 milioni iniziali) basterebbe valutarlo 11 milioni. Il gm però ne chiede 14. I rossoblù a queste cifre fanno fatica e vorrebbero introdurre delle condizioni per far sì che scatti l’opzione.

Condizioni che la Roma non ha accettato perché difficilmente realizzabili (presenze, numero di gol e obiettivi stagionali di club). A questo punto soltanto Friedkin può sbloccare la situazione dando il via libera a cederlo in prestito con diritto di riscatto. Formula quest’ultima che permetterebbe di piazzarlo con più facilità.
 A meno che non si blocchi Felix. Il ghanese piace alla Cremonese, le due società stanno trattando sulla cifra: la richiesta è 10, l’offerta è di 5 con una parte fissa di 3 e il restante legato alla permanenza del club in Serie A. L’attaccante, monitorato anche da Monza e Lecce, è il secondo indiziato per poter sbloccare l’affare Belotti. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa