Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il calvario di Mourinho: dopo Wijnaldum tocca a Zaniolo

Si ferma anche il talento giallorosso

Il sogno di mezza estate rischia di rimanere tale. La parola “scudetto”, sussurrata da molti tifosi, tra gli spalti dello stadio e le tribune social, si è incastrata tra la tibia destra di Gini Wijnaldum e la spalla sinistra di Nicolò Zaniolo. La sfortuna è tornata a bussare con veemenza dalle parti di Trigoria e lo ha fatto con un tempismo cinico, un uno-due in meno di 24 ore, roba da rimanerci secchi.

Volava Zaniolo a Salerno, imprendibile fino all’infortunio nel primo tempo con la Cremonese, fino all’ultimo strappo: la porta in vista ma arriva la scivolata di Lochoshvili ad impedirgli di esplodere il sinistro. Poi la caduta, rovinosa, tutto il peso del corpo finisce sulla spalla sinistra. L’urlo istantaneo e, col braccio ancora in funzione, subito a richiamare l’attenzione della panchina.

Mentre la sua Roma giocava e superava di misura l’ostacolo Cremonese, lui era a Villa Stuart accompagnato dal papà Igor. E la diagnosi di un trauma diretto con lussazione della spalla veniva poi anticipata da Mourinho: “Nicolò? Sono preoccupato ma è la vita. Piangere non aiuta, hai in testa strategie, combinazioni e poi ti trovi in una situazione in cui hai gli uomini contati. L’infortunio? Sarà sicuramente per qualche tempo fuori”.

Difficile stabilire i tempi di recupero (non meno di un mese), ma quanto meno nessun intervento in vista per il numero 22. Rimane invece l’ipotesi più concreta per Wijnaldum, che è in attesa dell’ultimo consulto, quello con il professor Ahlbäumer della Klinik Gut di St.Moritz, struttura di fiducia della famiglia Friedkin, prima della decisione finale, che verrà presa di concerto con i due club, Psg in primis. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa