Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Quanti dubbi su Wijnaldum: “Dobbiamo capire cosa fare”

Le ultime sulla situazione dell’olandese

Il giorno dopo forse è ancora più brutto del giorno prima. Perché la consapevolezza di quel che è successo prende piede e crea anche mille dubbi. Come quelli che ha avuto nel corso dell’intera giornata di ieri Georginio Wijnaldum, ovviamente ancora sconvolto dall’infortunio che ha accusato domenica pomeriggio, quando in uno scontro decisamente fortuito durante l’allenamento con Felix si è procurato la frattura composta della tibia destra.

Ieri Wijnaldum ha passato gran parte della sua giornata a Villa Stuart, il centro medico di riferimento della Roma, dove intanto è stato deciso di immobilizzargli l’arto con un gesso, per tenerlo maggiormente in sicurezza. Ieri si sono poi conseguite tutta una serie di telefonate tra Roma, Psg e Olanda, le tre anime interessate chiaramente alla questione. E i Friedkin hanno anche chiesto al professor Georg Ahlbaumer (il loro medico di fiducia della clinica Klinik Gut di Saint Moritz) di scendere giù a Roma per un consulto rapido sulla situazione del giocatore olandese.

Una decisione definitiva dovrebbe quindi essere presa entro le prossime quarantotto ore, per capire se procedere con l’intervento chirurgico oppure optare per la terapia conservativa (e quindi il gesso). “Dispiace a tutti per il suo infortunio, ci abbiamo messo tanto per portarlo da noi – dice il general manager Pinto -. Ma Gini è positivo, ora dobbiamo fermarci e capire cosa sia meglio per lui. Sono sicuro che tornerà più forte di prima. Sostituirlo? Ci penseremo, le ultime ore sono state pesanti. Abbiamo pensato a Gini, poi penseremo alla squadra“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa