Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Felix saluta: per Mourinho c’è Belotti

La cessione di Felix è la chiave di volta dell’ultima fase del mercato della Roma: adesso Mourinho è pronto ad accogliere Andrea Belotti

Il puzzle è finalmente completo, l’ultimo tassello mancante è andato al suo posto, disegnando l’attacco della Roma di Mourinho nella sua composizione definitiva. Nelle prossime ore Felix saluterà Trigoria per trasferirsi alla Cremonese per 6 milioni di euro più 3 di bonus. È il semaforo verde per la rinascita del Gallo Belotti, che è atteso a Roma per le visite mediche: triennale da 3 milioni di euro pronto per l’attaccante.

In attesa dell’ufficialità, lo Special One può tornare a sorridere: ecco il vice Abraham che aveva chiesto a gran voce. Per Belotti, invece, l’occasione attesa una carriera, una big italiana e il palcoscenico europeo, che tra Palermo e Torino gli è sempre mancato. Se le tempistiche lo consentiranno, la chance immediata di aggregarsi al gruppo giallorosso per la trasferta dell’Allianz Stadium contro la Juventus, avversaria di tanti derby in maglia granata.

Sistemato l’attacco, la priorità per la Roma è diventata il sostituto di Wijnaldum. Pinto sta valutando diversi profili, ma il nome più caldo è quello di Denis Zakaria. Contatti avviati con la Juventus per il mediano svizzero, un profilo che a Trigoria conosco molto bene. Nel gennaio scorso il trasferimento in bianconero, bruciando proprio la concorrenza della Roma. Quasi un anno dopo, le strade potrebbero tornare ad incrociarsi.

Ma tutto dipende dalla volontà del club bianconero, alla ricerca di una cessione a titolo definitivo per prendere Paredes dal Psg. L’ingaggio del calciatore (3 netti) è alla portata dei giallorossi, ma Pinto non si è spinto oltre il diritto di riscatto. I bianconeri hanno sparato alto (18 milioni a titolo definitivo) e il giocatore tentenna davanti ad un nuovo trasferimento. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa