Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho fa la lista: per la mediana piace Camara

È partita la caccia al centrocampista: Camara il nome nuovo, no dei giallorossi a Zakaria

Ieri Tiago Pinto ha avuto un colloquio con Cherubini, il collega della Juventus. Ma il nome di Zakaria, che a Torino vorrebbero vendere per poi assoldare Paredes, non interessa a Trigoria. Non più. Al tempo stesso le piste italiane più attrattive, Lukic del Torino e Nandez del Cagliari, non sembrano percorribili.

E allora via allo screening internazionale, con una lista di quattro nomi che Mourinho sta studiando. L’obiettivo è strappare un prestito con diritto di riscatto, il massimo che la Roma possa permettersi dopo il brutto infortunio di Wijnaldum.

Il primo gioca in Grecia ed è guineano, come Diawara che la Roma non riesce ad allontanare dal proprio centro sportivo. Si tratta di Mady Camara, classe 1997, mezz’ala dell’Olympiacos, oggi impegnato nel playoff di Europa League contro lo Slovan Bratislava. Tiago Pinto è in contatto con il club di appartenenza e anche con l’entourage. È l’obiettivo principale ma anche il meno facile da raggiungere perché Camara, gioca titolare nella sua squadra.

Per prenderlo probabilmente occorre pagarlo. Nessun problema invece per il tesseramento da extracomunitario: la Roma ha già preso Celik ma ha uno slot ancora libero, perché ha “perso” Mkhitaryan per fine contratto. Camara, cresciuto in Francia nell’Ajaccio, è arrivato all’Olympiacos nel 2018. Nelle prime stagioni ha giocato bene e segnato molto (15 reti complessive in campionato) mentre nell’ultima, meno efficace, ha firmato due gol in Europa League. Lo scrive il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa