Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Belotti rinforza il blocco azzurro

Il Gallo in arrivo a Trigoria nei prossimi giorni

Appuntamento a domenica. Di ritorno a Trigoria dopo la partita contro la Juventus, la Roma abbraccerà Andrea Belotti. Serve ancora un po’ di pazienza per sistemare tutti i contratti, compreso quello che porterà Felix alla Cremonese, ma non ci sono problemi. La parte negoziale è esaurita su entrambi i fronti.

Belotti ha già ricevuto le congratulazioni di Mourinho, sempre attento a convincere e ad accogliere i nuovi arrivati, e di tanti compagni che conosce, a cominciare dal capitano Pellegrini e da Dybala, che con lui ha vinto un campionato di Serie B a Palermo.

Dopo le visite mediche, la firma del contratto triennale e le formalità logistiche potrà finalmente allenarsi con la squadra. Durante l’estate ha lavorato duramente con un personal trainer, a Palermo, dove ha trascorso anche le vacanze con la moglie Giorgia Duro. Ma ovviamente ha bisogno di tempo per recuperare una buona condizione: la sua ultima partita resta Italia-Argentina, giocata a Wembley a inizio giugno. Serviranno probabilmente due settimane di allenamenti intensi, alternati tra fase personalizzata e lavoro in gruppo, prima di vederlo debuttare con la Roma.

Belotti arricchisce un gruppo pieno di nazionali azzurri: con lui diventeranno sei i calciatori che interessano a Roberto Mancini, che si troverà dunque a osservare molte partite della Roma. Gli altri cinque sono Pellegrini, Spinazzola, Cristante, Mancini e Zaniolo, attualmente infortunato. Nessun’altra squadra di Serie A ha un contingente azzurro così corposo. Che comprende anche il giovane Bove, ormai punto fermo dell’Under 21 pur essendo sotto età. E che in futuro, chissà, potrebbe anche riscoprire l’utilità di El Shaarawy. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa