Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Belotti sarà più del vice Abraham: può fare il panzer o la seconda punta

Belotti

Il Gallo sempre più vicino all’arrivo a Trigoria

Per far capire quanto i tifosi della Roma ieri aspettassero Andrea Belotti, basta pensare che, durante tutta la giornata, tra social e whatsapp, giravano fantomatici biglietti di treno che garantivano lo sbarco dell’ex Torino alle stazione Termini.

Niente di fatto. per ora, perché Felix non è ufficialmente un giocatore della Cremonese e quindi Belotti non può ancora diventare giallorosso. Il tempo, però, stringe: perché l’attaccante non ce la fa più a restare fuori e ad allenarsi da solo (lavora con uno | staff personalizzato) e Mourinho non vede l’ora di averlo a disposizione.

Anche perché, con lui la Roma aumenta le possibilità di cambiare pelle. dall’inizio o in corsa, per sbloccare il risultato o, se dovesse esserci bisogno, recuperare. Per prima cosa, Belotti garantirebbe ad Abraham di giocare meno partite e di essere, quindi, sempre fresco dal punto di vista fisico. Il Gallo può essere anche la spalla di Abraham quando Mou deciderà di giocare con le due punte: 3 4-1-2 o 3-5-2, invece che con i due trequartisti.

Rigorista, Belotti ama calciare da fermo e ama lanciare i compagni. caratteristica  che negli anni, gli ha attirato più di qualche critica per la troppa generosità e di conseguenza, a tratti, la scarsa lucidità davanti al portiere avversario. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa