Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Camara, applausi all’Olimpico. Rosa sfoltita

Ieri l’arrivo di Camara a Roma: ha visto la partita allo Stadio Olimpico. Nel frattempo Pinto sfoltisce la rosa

Porte girevoli. Quelle che ieri sarebbero servite all’ingresso di Trigoria dove, tra acquisti e cessioni, sono stati registrati tre movimenti di mercato in meno di 24 ore. Il viavai è iniziato con l’arrivo di Mady Camara, sbarcato a Fiumicino intorno alle 9.30 per svolgere le visite mediche e firmare l’accordo che lo legherà alla Roma fino al 30 giugno 2023.

Il centrocampista guineano infatti è stato ingaggiato con la formula del prestito oneroso per 1,2 milioni di euro, con diritto di riscatto fissato a 12 (l’accordo non prevede alcun obbligo di acquisto). L’ex Olympiakos percepirà un ingaggio di 1,2 milioni, che diventerebbero 1.7 in caso di riscatto a fine stagione. In serata si è presentato all’Olimpico per assistere alla sfida con il Monza.

Gran parte del lavoro di Tiago Pinto però ha riguardato soprattutto le cessioni dei fuori rosa. Il general manager è riuscito ad alleggerire il monte ingaggi cedendo a titolo definitivo Diawara e Calafiori. L’operazione più complessa è stata quella con l’Anderlecht per Diawara che, dopo giorni di tentennamenti, ha deciso di ridursi l’ingaggio per provare a ritrovarsi, con bonus legati al numero di presenze dell’attaccante e agli obiettivi del club In più la Roma incasserà il 20% in caso di rivendita.

Fine dell’esperienza a Trigoria anche per Calafiori, entrato per la prima volta nel centro tecnico giallorosso all’età di 9 anni. Il classe 2002, su cui il club di Friedkin mantiene il 40% in caso di futura cessione, si trasferisce al Basilea per 1 milione più 500mila euro di bonus. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa