Resta in contatto

Rassegna Stampa

A tutta Joya. La Roma capolista ha già acceso Dybala: “Segno sotto la Sud”

La Joya ha fatto impazzire una città intera

In questo momento Paulo Dybala ha quelle caratteristiche tecnico-epiche che lo rendono inseribile nella categoria degli argentini che sono riusciti a varcare la porta del sogno. Segnare 100 gol in Serie A, accompagnati anche da 50 assist, sembrano essere davvero Joya pura, sgranata sui terreni di tutta l’Italia.

La doppietta contro il Monza che lo ha santificato davanti al popolo giallorosso e alla sua famiglia schierata in tribuna ha un po’ il sapore della favola con lieto fine. Mamma Alicia commossa, la fidanzata Oriana pazza di gioia e la continuazione di quel pellegrinaggio di tifosi che, dal primo giorno in cui Paulo ha messo il piede a Roma, gli chiedono una sola cosa: lo Scudetto.

Anche ieri, chi lo ha incrociato mentre andava a fare una seduta fotografica per un nuovo sponsor, nutriva solo ambizioni calcistiche che solo la Joya e lo Special One potrebbero regalare. Vero? Di sicuro la fame di Dybala non si è esaurita con la doppietta di martedì. Chi gli è vicino, infatti, racconta come il cruccio dell’argentino sia stato quello di non aver fatto gol sotto la Curva Sud, tanto da avere pensato di allungare la sua esultanza dopo la rete fino all’altra parte del campo. Obiettivamente troppo.

Ma se in tanti nello spogliatoio già all’intervallo scherzavano sul possibile “hat trick”, cioè una tripletta che sarebbe stata indimenticabile, il più serio di tutti era proprio Dybala che, dopo l’ovazione che l’Olimpico gli ha tributato al momento della sostituzione, uscendo ha detto a Mourinho in modo gentile “Se fossi rimasto in campo, avrei fatto anche il terzo gol”. Difficile pensare che fosse una millanteria, tant’è che il portoghese gli ha pronosticato la rete domenica prossima contro l’Udinese.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa