Resta in contatto

News

Martial: “Mourinho mi ha mancato di rispetto. Il suo atteggiamento mi è costato i Mondiali”

L’attaccante ha criticato duramente il tecnico portoghese, rivelando alcuni retroscena esplicativi del loro rapporto

Anthony Martial, attaccante del Manchester United, ha rilasciato un’intervista a France Football. Il calciatore si è soffermato anche sul suo rapporto con José Mourinho, quando lo Special One sedeva sulla panchina dei Red Devils. Queste le sue dichiarazioni:

“È iniziato tutto con la storia del numero di maglia. Durante le vacanze Mourinho mi manda un messaggio per chiedermi se voglio cambiarlo per prendere l’11, spiegandomi che sarebbe fantastico perché è stato quello della leggenda Ryan Giggs. Gli dico che ho il massimo rispetto per Giggs, ma che preferisco mantenere il mio numero 9. E quando torno in club vedo la mia maglia con l’11. Mi ha mancato di rispetto fino in fondo. Ha parlato di me alla stampa, piccole frasi, un po’ come aveva fatto con Karim Benzema al Real Madrid. Gli piacciono questi piccoli giochi, ma sa anche con chi lo sta facendo. Sa che allora ho 20 anni, che se dico qualcosa, sono io che passerò per il giovane che manca di rispetto. […] La seconda stagione sono stato il capocannoniere della squadra nella prima parte della stagione, poi è arrivato Alexis Sanchez e da lì non ho giocato quasi più. Quindi non ho detto niente, era inutile. Era  la stagione dei Mondiali e mi è costato caro, soprattutto da quando ha vinto la Francia. Avrei dovuto esserci”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News