Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho: “Vittoria fantastica, la mia Roma non è scarsa come pensa qualcuno…”

L’allenatore giallorosso dopo il successo ad Empoli: “Il campionato è come una maratona, ma avessimo perso la terza di seguito sarebbe stato complicato, è vero”

Il volto alla fine è tirato, ma soddisfatto. Di chi sa che questa vittoria è un mattone pesantissimo verso la serenità. Intanto per Mourinho era fondamentale mettersi da parte le scorie delle ultime due sconfitte, quelle che avevano minato proprio quella serenità che aveva costruito fino a quel punto della stagione.

“È stata una vittoria fantastica e meritata – dice l’allenatore della Roma – Ma siamo stati bravi a mantenere l’equilibrio dopo queste due sconfitte. Per qualcuno sembrava fossimo già diventati scarsi, mentre prima eravamo fortissimi. Ed invece abbiamo giocato con lo stesso modulo, gli stessi giocatori. E questo per me è un segno di maturità da parte della squadra, che penso di aver aiutato a mantenere questo equilibrio”.

E ieri quella squadra lì gli ha regalato la vittoria, la prima delle tre che vuole da qui fino alla sosta. “A livello di punti ora non è un problema, a Udine per esempio è sempre difficile giocare e anche con l’Empoli con un po’ di sfortuna potevamo pure perdere – dice Mou nella pancia del Castellani –. Loro sono forti, anche più della scorsa stagione. È stata una partita complicata, non mi è piaciuto il passaggio dal nostro gol al loro. Lì abbiamo smesso di pressare e abbiamo sbagliato i posizionamenti. Ma il secondo tempo è stato diverso, siamo stati sempre in controllo. E dopo il 2-1 abbiamo avuto tante occasioni per chiuderla, mentre alla fine sembrava che la gara non dovesse finire proprio più e abbiamo anche rischiato con il loro palo”.

Giusto festeggiare allora, perché sono tre punti pesantissimi, di quelli che spostano anche a livello psicologico: “Il campionato è come una maratona, ma avessimo perso la terza di seguito sarebbe stato complicato, è vero. Abbiamo iniziato bene, basta pensare alla gara con il Tottenham o alle prime due (con Salernitana e Cremonese, ndr). A inizio stagione pensavo potessimo fare di più, ma capisco le difficoltà. Adesso sotto con Helsinki e Atalanta, finalmente si gioca di nuovo in casa”.

Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa