Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Noi capaci di riprendere la gara, prestazione importante”

Alessandro Spugna al termine di Sparta Praga-Roma

Il tecnico della Roma Femminile Alessandro Spugna ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni dei canali ufficiali del club al termine del match contro lo Sparta Praga, vinto dalle giallorosse per 1-2

La partita ha vissuto più fasi, ma il dato è che la Roma porta via una vittoria.
“Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile, perché loro hanno grande fisicità e oggi l’hanno dimostrato. Abbiamo avuto diverse occasioni. Il gol subìto è un errore nostro, però ci può stare. Siamo state molto brave a riprendere la gara, a non fermarci, e a crederci anche dopo l’1-1, ed è arrivata questa vittoria. Peccato per Glionna, perché il gol poteva essere regolare: non mi sembrava fuorigioco. Però va bene, prendiamoci questo risultato e prendiamoci anche buona parte della prestazione, perché è stata importante”.

Possiamo dire che sono due le donne in copertina: Bartoli e Haavi.
“Assolutamente sì, Elisa ha fatto una grande gara, ha trascinato la squadra e ha segnato la rete dell’1-1. È stata molto importante, ma lei è sempre così e sta facendo un inizio di stagione bellissimo. Sono molto contento per Emilie, aveva bisogno di questo gol e l’ha trovato nel momento più difficile, perché farlo al 90′ è sempre bello”.

Prima della gara di ritorno c’è la Fiorentina, c’è poco tempo per recuperare.
“Praticamente, il recupero non c’è, perché sabato c’è la Fiorentina. Ma ora godiamoci questa vittoria. Da domani penseremo alle viola e poi al ritorno con lo Sparta”.

Si giocheranno entrambe in casa, sarà importante l’apporto del pubblico.
“Assolutamente sì. Siamo sicuri che ci sarà tanta gente sabato contro la Fiorentina e tantissima giovedì contro lo Sparta”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile