Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Silenzioso e poco social. Ma chi ce l’ha vota Cristante

Il mediano giallorosso protagonista anche con l’Italia

Criticato, a volte snobbato e troppe poche volte esaltato. Eppure titolare e affidabile per chi lo allena. Sarà lo scarso utilizzo dei social, le poche chiacchiere nelle interviste e la sua vita privata molto riservata, ma Bryan Cristante non è sempre al centro dei riflettori e di certo non è esattamente tra i giocatori più acclamati dalla tifoseria giallorossa.

Eppure è sempre lì, titolare della Roma, certezza per Mourinho e uno dei pilastri dello spogliatoio. E non solo di quello giallorosso. Perché il ventisettenne friulano è anche elemento importante della Nazionale di Mancini: sempre convocato, campione d’Europa e nella delicata sfida contro l’Inghilterra titolare del centrocampo azzurro.

In un’Italia bella e con anima, Cristante è il giocatore che ha fatto il lavoro sporco con muscoli e intelligenza.  Un lavoro che può passare inosservato ai tifosi, ma che tanto piace agli allenatori. Ecco perché per Mourinho è Cristante il primo titolare del suo centrocampo.

La Roma è contenta di Cristante, sia per le prestazioni in campo sia per il suo supporto nello spogliatoio. È uno dei leader del gruppo, silenzioso davanti alle telecamere ma carismatico con la squadra. Adesso la Roma se lo tiene stretto e lo ha blindato con il rinnovo del contratto. L’accordo non è stato difficile da trovare e presto arriverà anche l’annuncio ufficiale: firmerà fino al 2027 con stipendio a 3 milioni netti più bonus. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa