Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola: “Mi manca ancora qualcosa. Devo lavorare di più per tornare a posto”

Le parole dell’esterno giallorosso

Avrebbe potuto, non essendo infortunato, regalarsi un lungo fine settimana di vacanza, Leonardo Spinazzola. Eppure prima ha chiesto al c.t. Mancini di non chiamarlo in Nazionale, poi è rimasto sempre a Trigoria ad allenarsi perché sa perfettamente che il suo fisico non è ancora al 100%.

Il paragone, magari scontato ma corretto, è quello con Nicolò Zaniolo: la scorsa stagione il numero 22 giallorosso stava bene, era a posto, ma per ritrovare esplosività e la completa estensione delle ginocchia ha avuto bisogno di tempo, partite, sensazioni, allenamenti.

Per Spinazzola è lo stesso ed è per questo che, intervenendo in un podcast organizzato dalla società, ha detto chiaramente le cose come stanno: “Questo infortunio è uno dei peggiori per un calciatore, anche per le mie caratteristiche che si basano sulla velocità. Qualcosa mi manca sull’appoggio, quando devo andare sull’avampiede, ma cerco di riprendere il più possibile. Non andare in Nazionale è stata una mia richiesta, Mancini ha capito e mi ha concesso questi dieci giorni per lavorare, per rimettermi a posto e fare dei lavori specifici che mi mancano da luglio, per il polpaccio e per tutta la catena muscolare. Ho chiesto questa cortesia al commissario tecnico e lui ha capito“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa