Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sprint decisivo, la Roma ci crede: Mourinho vuole risalire in classifica

Lo Special One vuole cambiare marcia in campionato

Comincia la settimana che porterà la Roma al tour de force. Un periodo chiave per Mourinho che restituirà una fotografia nitida delle reali potenzialità della squadra. Si tratta di 12 partite tra Serie A ed Europa League in 44 giorni, una partita poco più di ogni 72 ore.

Si partirà con Inter-Roma il 1° ottobre e terminerà con Roma-Torino del 13 novembre. In mezzo il lascia passare per la qualificazione agli ottavi con le due sfide contro il Betis e quelle con Ludogorets e HJK più le otto partite di campionato.

Oltre al big match contro i nerazzurri anche quelli con Napoli (23/10) e Lazio (6/11), poi Lecce (9/10), Sampdoria (17/10), Verona (31/10) e Sassuolo (9/11). Un mese e mezzo di fuoco al termine del quale l’obiettivo principale sarà quello di rimanere aggrappati al treno delle prime quattro in classifica e, ovviamente, approdare agli ottavi di coppa. Poi, scatteranno le convocazioni per il Mondiale che partirà il 20 novembre e terminerà il 18 dicembre. I giocatori della Roma non convocati se lo guarderanno per una decina di giorni in Giappone durante una tournée organizzata per promuovere il marchio.

Sarà necessario valutare le condizioni dei calciatori che si ripresenteranno a Trigoria, un po’ come succederà giovedì prossimo a Dybala volato negli Stati Uniti per aggregarsi alla nazionale nonostante un problema al flessore alla coscia sinistra. Ed è proprio la Joya uno di quegli elementi al centro dell’attenzione.

Il lavoro più grande, dunque, sarà risvegliare l’istinto del gol in Abraham, Zaniolo, Pellegrini e Belotti. Saranno loro ad alternarsi con Paulo lì davanti senza doverlo far rimpiangere. Con l’aggiunta di El Shaarawy ormai pienamente recuperato e Shomurodov. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa