Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum, operazione Giappone a dicembre: obiettivo tornare in campo a gennaio

Le ultime sul mediano giallorosso

Ancora poco tonic, ma con una gran voglia di tornare. È passato un mese esatto dalla rottura della tibia, e proprio ieri Gini Wijnaldum è riapparso sui social. L’ultima immagine ufficiale lo vedeva esultare a Salerno prima di vedere il gol annullato per un fuorigioco di Dybala. Non era nemmeno Ferragosto.

Quella di ieri regala meno emozioni, ma qualche speranza. Il centrocampista olandese scende dall’auto, prende le stampelle e con il tutore nero in bella vista si avvicina verso il centro d’allenamento di Rotterdam scelto per la prima parte del recupero. Poi la foto mentre effettua gli esercizi di sali e scendi per testare la resistenza della gamba. “Oggi un altro allenamento. C’è ancora tanta strada: la farò passo dopo passo con pazienza“, ha aggiunto Wijnaldum.
Una prima fase che terminerà verso fine ottobre. Un periodo che il centrocampista passerà al fianco della nuova compagna Mirella Pereira e dei suoi due figli. Poi il ritorno a Roma per la riatletizzazione che durerà almeno un altro mese.

L’obiettivo è aggregarsi alla squadra per la tournée di fine novembre in Giappone, ma più verosimilmente l’ex Psg tornerà col gruppo dopo Natale con l’obiettivo di tornare in campo verso metà gennaio. La frattura composta alla tibia non implica ricadute e il lungo stop per il Mondiale aiuta non poco. La Roma dovrà fare a meno di Wijnaldum per almeno altre 12-13 partite tra coppe e campionato. Il primo ad aspettarlo con le braccia spalancate sarà proprio Mourinho che sull’olandese (volante) spinto molto. Lo scrive ‘Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa