Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pinto, il re del mercato pronto al rilancio: “Gli acquisti sono ok ma bisogna vincere”

Tiago Pinto premiato per il miglior mercato

La cornice è meravigliosa, quella del Chiostro del Bramante, ad un soffio da Piazza Navona. Una location suggestiva, entusiasmante, che val bene la gioia di un premio. Qui ieri sera il general manager della Roma Tiago Pinto ha ricevuto quello del Social Football Summit: “Un premio che voglio condividere con la proprietà, i Friedkin, per tutto quello che fanno per il nostro club – ha detto il gm giallorosso – E poi con il nostro mister, Mourinho, che mi aiuta nella vita di tutti i giorni”.

Pinto è arrivato verso le 9 di sera, ha tenuto un po’ di pubbliche relazioni con gli altri invitati, cenato al chiaro di luna per poi salire sul palco verso le dieci, insieme agli altri 14 premiati della serata. Prima, però, un video emozionante con le immagini degli acquisti di questa estate: da Dybala a Wijnaldum, da Matic a Belotti, con sullo sfondo alcune delle genialate della Roma per pubblicizzare al massimo i nuovi arrivati in casa giallorossa.

Voi qui avete messo solo i giocatori che sono arrivati, ma vi assicuro che le operazioni sono state molte, molte di più”, ha detto scherzando il dirigente portoghese. Che poi ha ritirato il premio (un pallone bianco stilizzato, sullo sfondo di un prato artificiale), che gli ha assegnato con la seguente motivazione: “Best Transfer Market”, miglior calcio mercato estivo. “È stata una estate faticosa, ma ora dobbiamo concentrarci sul campo e portare a casa più vittorie possibili – ha detto ancora -. Io amo ripetere sempre che il mercato pesa per il 20-30% nella vita di un club, poi c’è il campo che vale invece per il 70-80%“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa